Investimento ad alto rendimento e rischi: scopriamo le Hyip

hyip-investimenti-rischi

Le Hyip (High Yield Investment Programs) sono società che offrono programmi di investimento ad alto rendimento.
Questo rendimento è nettamente superiore a quello normalmente offerto dalle banche, ma sono da considerarsi ad altissimo rischio.
Oltre a rischiare di non percepire gli interessi promessi, infatti, è molto elevato anche il rischio di perdere tutto il capitale che hai investito.

Le Hyip sono generalmente considerate alla pari del gioco d’azzardo, quindi il mio consiglio è di testarle usando solo delle cifre di denaro che, qualora perse, non ti cambino la vita.

Le HYIP sono infatti delle società finanziarie d’investimento che normalmente hanno sede in paradisi fiscali.
Queste aziende raccolgono fondi online e li utilizzano per finanziare attività speculative ad alto rendimento, ma nella pratica, dato che non esiste una legislazione adeguata, il rischio che dietro possano celarsi delle truffe è molto elevato.

Statisticamente solo il 15% delle HYIP sono programmi in cui si riescono a guadagnare soldi veri. Il resto sono semplici Schemi Ponzi: si attraggono gli investitori con la promessa di interessi molto alti.

Come funziona la Hyip truffa?

Diamo uno sguardo più da vicino al funzionamento di un programma di investimento ad alto rendimento che è progettato come uno schema Ponzi.
Questo che ora ti descrivo è proprio ciò che rende illegali questi programmi in alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti.

Delle persone creano un sito HYIP, poi cercano degli “investitori” promettendo dei tasso di rendimento allettanti sull’investimento iniziale.
Questo tassi possono essere di varia entità dal 1% -2% al giorno fino al 100%-200%.
Questi rendimenti sembrano impossibile, ma tieni conto che le HYIP si basano sull’avidità e la pigrizia delle persone.

Supponi che 10 persone decidano di investire nella Hyip 100 euro a testa. La HYIP ha ora 1.000 euro che può o meno investire in altri progetti. Man mano che il sito rimane online e viene pubblicizzato, raggiunge altre persone che a loro volta vogliono partecipare.

Supponi quindi che altre 20 persone si uniscano versando 100 euro a testa. Sono altri 2.000 euro incassati dalla Hyip per 3.000 euro totali. A questo punto ci sono i fondi per rimborsare i primi 10 investitori.

A questo punto i primi 10 investitori vedono un ritorno e sono convinti di aver trovato un’azienda che funziona. Così cominciano a consigliare l’investimento ad altri, mostrando la prova del pagamento che hanno ricevuto. Alcuni di questi investitori andranno anche reinvestire, volendo guadagnare sempre di più sul loro investimento.

Questo giochetto continua fino a quando non ci sono più i soldi per pagare gli investitori o i fondatori della Hyip decidono di sparire con la cassa.

I primi investitori vengono pagati con le somme versate dai successivi e così via finché, attirati un buon numero di investitori ingolositi dai primi guadagni ricevuti che reinvestono magari cifre più elevate, il programma non paga più nessuno e diventa “Scam”.

Come scegliere una Hyip

Come detto prima, statisticamente solo il 15% delle HYIP sono programmi in cui si riescono a guadagnare soldi veri.
Ma come trovarle?

Ci sono diversi siti che monitorano continuamente i siti HYIP e che ti permetteranno, in qualità di investitore, di trovare informazioni su ogni HYIP compresi i pagamenti effettuati o eventuali anomalie.

Tieni presente che anche i siti di monitoraggio a volte mettono informazioni sbagliate su progetti che sono truffe, assegnando ai truffatori un rating superiore o classificando la Hyip come “pagante”. Per questo motivo devi controllare diverse fonti prima di pensare a investire.
Alcuni dei siti più popolari sono moneymakergroup.com, talkgold.com e instantscamalert.com.

E’ importante anche verificare la sede legale della Hyip ed i metodi di pagamento.

Qualora si tratta di società con sede legale non in paradisi fiscali, ma in paesi europei o USA c’è qualche garanzia in più.

Anche i metodi di pagamento sono importanti: se la società accetta strumenti come PayPal, che consente di farsi rendere i soldi, o Bonifici ordinari e non solo valuta elettronica è sicuramente un buon segnale.

Alcuni consigli:

  1. Diversifica: investi solo cifre che puoi permetterti di perdere: meglio investire 200€ su 5 Hyip che 1000€ su una sola
  2. Non essere troppo avido: cerca progetti che non offrano interessi troppo elevati e che ti permettano di ritirare il capitale dopo poco tempo
  3. Porta a casa: una volta che hai preso un profitto, evita di reinvestire altro capitale nello stesso progetto, ma reinvesti al massimo il solo guadagno ottenuto o parte di esso.

La mia strategia quando investo in Hyip è quella del mordi e fuggi. Una volta selezionata un’azienda, sfruttando i monitor presenti in rete, la testo con un piccolo versamento e verifico i pagamenti. Poi investo qualcosa in più, con l’obiettivo di liquidare il prima possibile.
Una volta che ho recuperato il capitale iniziale e la gestione è in attivo, valuto se lasciare ancora i soldi guadagnati.

Come investire

Una volta scelta la Hyip devi iscriverti ed effettuare un versamento: il più delle volte dovrai farlo EPS internazionali (sistemi elettronico di pagamento), come il Perfect Money, BitCoin o Liberty Reserve.

Puoi usare questo conto EPS per investire ed incassare i tuoi soldi.
Eseguito il versamento, dal giorno successivo inizi a vedere maturare degli interessi: questi possono essere pagati con cadenza giornaliera, settimanale, mensile o, a volte, al termine di una scadenza predeterminata alla sottoscrizione.

In un periodo relativamente breve dovresti rientrare nell’investimento iniziale e ricevere un utile.

Tieni conto che molti degli strumenti elettronici hanno dei costi legati alle transazioni molto elevati sia in entrata in uscita. Conviene quindi scegliere accuratamente anche l’EPS da utilizzare: Perfect Money è uno di quelli con i costi più bassi, io lo utilizzo insieme a ADVCash per convertire la moneta virtuale.

Vale la pena di investire nelle HYIP?

Qualsiasi tipo di attività ha i suoi rischi.
Le HYIP sono un’impresa molto rischiosa se non si fanno un po’ di compiti a casa per trovare quella giusta.

Dato che permettono di investire anche piccole cifre (molto spesso si parte da 30$), molti all’inizio per scoprire questo mondo, provano ad investire piccole cifre che possono permettersi di perdere se le cose vanno male.

Le HYIP possono quindi essere una buona opportunità se vuoi solo investire ed il rischio di perdere la cifra investita non è un problema. Dopo tutto, queste aziende ti offrono rendimenti eccellenti e c’è un’ampia scelta e documentazione online su quali siano paganti e quali no.

L’elevato rischio, del resto, fa sì che non siano investimenti per tutti: se come investitore non ti piace il rischio o non puoi permetterti di rischiare dei capitali è meglio che lasci perdere.

L’importante è capire bene qual è il tuo obiettivo in termini di rendimento, tempo di immobilizzazione del capitale e a quale fattore di rischio sei disposto ad esporti.

Quali Hyip testare?

Io al momento sto testando due società.

La prima è una classica Hyip con sede in paradisi fiscali.
Opera da oltre 4 anni e risulta regolarmente pagante su tutti i principali monitor.

Si chiama PokerAm ed investe nel Poker Online mediante dei software bot proprietari.
L’investimento minimo è di 30$ ed all’iscrizione si ricevono 1.000$ virtuali per testare il funzionamento del programma.

La seconda società, invece, non può essere definita propriamente una Hyip in quanto ha sede in Polonia ed opera nell’ambito del riciclo di materie prime: si tratta quindi di un’azienda con impianti, che partecipa regolarmente alle principali fiere di settore europee.

Si chiama Recyclix: i soldi vengono investiti nell’acquisto di rifiuti plastici da immettere nel processo di riciclo.
All’iscrizione si ricevono 20€ reali in omaggio, con i quali si può subito investire.

3 commenti

  • Paolo

    Buonasera, vorrei avere qualche info in più e la validità dell’investimento. C’è da fidarsi, esistono davvero gli stabilimenti? Quali garanzie ho nell’investire?

    • admin

      Ciao Paolo,
      per quanto riguarda Poker Automatics non si tratta di investimento, ma di puro gioco d’azzardo.

      Su Recyclix le informazioni sono ancora relativamente poche. Quello che posso dirti che ho ricevuto da poco il primo pagamento via bonifico di 24€ in tempi brevissimi.

      Inoltre stanno partecipando a diverse fiere di settore in Europa (ho verificato nei siti ufficiali delle varie fiere).
      Ovviamente io non ho visitato i loro stabilimenti, ma ritengo la partecipazione a fiere europee già un ottimo segnale (ci sono dei costi da sostenere e di sicuro non prendono l’ultimo arrivato).

      Ci sono comunque persone dello staff polacco che ci stanno mettendo la faccia di persona anche nei gruppi facebook italiani.

      Se tu, giustamente, nutri dei dubbi il mio consiglio è quello di prendere i 20€ gratuiti e, se vuoi, mettere qualcosa che puoi permetterti eventualmente di perdere, nel mentre capisci come funziona e raccogli ulteriori informazioni.
      Io personalmente ci ho messo 250€, mettendo in conto che potrei anche perderli.
      Conosco persone che ne hanno investiti 1.000, ma io stesso lo ritengo, nello scenario attuale, un investimento azzardato.
      Ognuno si fa i propri conti sulla base delle proprie disponibilità.

      Buon riciclo,
      Enrico

    • admin

      Può interessarti, guardare questo video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *